lunedì, dicembre 26, 2005

Ancora Giobbe Covatta.

IL DILUVIO

E cominciò a piovere.
Dapprima piovve poco, e fu il pediluvio.
Poi cominciò a piovere che Dio la mandava e quello fu veramente il diluvio.


Il Signore aveva detto [a Noè]: "Pioverà per 40 giorni". ma poi si distrasse, si dimenticò di Noè, e dopo 150 giorni pioveva ancora.
Noè era il prediletto e disse: "Achaton shater jaffa, agataì duc ianet rafinai amaton", che in antica lingua prebabilonica significa: "Uffa!"

[...]

E il 17 ottobre finalmente smise di piovere. E allora Noè prese una talpa, e la mandò fuori dall'oblò. E si sentì glu, glu, glu, e la talpa non tornò più.
E Noè disse: "Strano, ora manderò l'orso". Poi, dopo una breve colluttazione, disse: "No, no, è meglio che mando la colomba".
E la colomba tornò con un rametto di olivo.
E Noè disse: "Reciterò i salmi".
Poi vide la lepre e disse: "Uhmmm, forse è meglio se mi faccio un salmì... Con le olive che ha portato la colomba".
Allora disse alla colomba: "Vai di nuovo, e vedi se trovi un rametto di polenta".