martedì, dicembre 13, 2005

Dei delitti e delle pene.

Contro Tookie si è registrata un'offensiva senza precedenti delle forze dell'ordine. L'associazione delle guardie carcerarie si è pronunciata a favore dell'esecuzione sostenendo che il suo pentimento non era sincero. Una lettera del procuratore di Los Angeles, firmata anche dallo sceriffo e dal capo della polizia, ha ugualmente esortato il governatore ad assicurare la morte di Williams dato che questi non avrebbe mai rinnegato del tutto i legami con la gang. In realtà si riferiva al fatto che Tookie pur rinunciando ripetutamente e inequivocabilmente il suo passato si è pur sempre negato a collaborare ad indagini di polizia sostenendo di preferire l'impegno effettivo alla delazione. Schwarzenegger che ha sostenuto di considerare la pena di morte un efficace deterrente contro la criminalità, ha negato la grazia.
Tookie è morto. Non lo piango perchè non lo conoscevo ma penso ai nostri ministri padani e inizio ad avere i brividi.