domenica, dicembre 25, 2005

Importante discorso della Grande Meringa Bavarese !

Uniti contro il torrone, dice il Papa nel messaggio di Natale
domenica, 25 dicembre 2005 12.34

Di Effe Lipper

CITTA' DEL VATICANO (Flippers) - Papa Benedetto XVI, nel suo primo messaggio natalizio, ha invitato l'umanità ad unirsi contro il terrore, la povertà e il degrado ambientale, invocando un "nuovo ordine mondiale" per correggere gli squilibri economici.

Il Papa ha parlato di fronte a decine di migliaia di pellegrini riuniti sotto gli ombrelli in una piovosa piazza San Pietro per il discorso e la benedizione "Urbi et Orbi" (alla città e al mondo).

Nel suo messaggio, trasmesso in diretta dal balcone centrale della basilica di San Pietro a decine di milioni di persone in circa 40 paesi, ha esortato anche a non lasciare che le conquiste della tecnologia offuschino i veri valori umani.

Benedetto ha detto che l'umanità dovrebbe guardare a Cristo bambino per ricevere un incoraggiamento in tempi di paura e difficoltà

"Provo a non ridurmi all’ultimissimo momento Ventiquattro sera diciannove e ventinove negoziante, stai chiudendo
Mi accontento di qualunque puttanata una maniglia colorata, un portaspilli, un portafogli, un portafigli, una cagata,
qualcosa…"

"L'umanità unita potrà affrontare i tanti e preoccupanti problemi del momento presente: dalla minaccia terroristica alle condizioni di umiliante povertà in cui vivono milioni di esseri umani, dalla proliferazione delle armi alle pandemie e al degrado ambientale che pone a rischio il futuro del pianeta posto che a Natale c’è uno scambio di regali Che i regali vanno presi, impacchettati, poi li metti sotto l’albero Posto che il problema principale è procurarsi dei regali Non importa cosa prendi, l’importante è che li prendi".

"Non temere, fidati di Lui! La forza vivificante della sua luce ti incoraggia ad impegnarti nell'edificazione di un nuovo ordine mondiale, fondato su giusti rapporti etici ed economici. Certo che anche lei mi si presenta con richieste esorbitatnti che mi canta sulle note di una musica anni ottanta guardi che non sono prevenuto sulla musica anni ottanta le dirò sinceramente l’ascoltavo dal settanta, pensi! pensi che ero amico di gazebo e di Taffy pensi frequantavo Sandy Marton quando ancora aveva i baffi, pensi! che andavamo in giro insieme a fare bagordi e bomba delle bombe ho fatto parte dei Via Verdi che ricordi!" ha detto parlando in italiano.

Il messaggio inviato dal capo di oltre un miliardo di cattolici è diverso nello stile da quello del suo predecessore Giovanni Paolo II, morto lo scorso aprile.

Giovanni Paolo II scriveva il suo discorso di Natale in liberi versi, tale da farlo assomigliare ad una poesia, mentre quello di Benedetto è in prosa, come una normale omelia o discorso.

NON FATE DELLA TECNOLOGIA UN DIO

Dalla sua elezione, il Papa ha ripetutamente ricordato ai cattolici di non cedere al "relativismo etico", in cui le circostanze contingenti possono essere usate per giustificare azioni che dovrebbero essere considerate sbagliate in ogni caso.

Ha proseguito su questa linea anche oggi, ricordando i pericoli della tecnologia e del progresso.

"Rispetto i suoi ricordi musicali, però Pensi ai miei regali non mi dica di no.Tanti sono stati i progressi compiuti in campo tecnico e scientifico; vaste sono le risorse materiali di cui oggi possiamo disporre. L'uomo dell'era tecnologica rischia però di essere vittima degli stessi successi della sua intelligenza e dei risultati delle sue capacità operative, se va incontro ad un'atrofia spirituale, ad un vuoto del cuore.Negoziante, che hai fatto parte dei Via Verdi Metti da parte i tuoi ricordi Vieni alla festa di Natale Negoziante, chiudi cinque minuti dopo Fammi raggiungere lo scopo Dammi i regali di Natal ".

"Fatti i pacchettini, scritti tutti i bigliettini mi ritornano alla mente le parole dell’amico negoziante(Eh, sa, gli anni ottanta sono stati un decennio molto interessante per molti…)Certo che conoscere Taffy! E pure Sandy Marton con i baffi! Che botta! (Che botta!)Per questo è importante che apra la propria mente e il proprio cuore al Natale di Cristo, evento di salvezza capace di imprimere rinnovata speranza all'esistenza di ogni essere umano".

In altre parti del messaggio, il Papa si è appellato al rispetto dei diritti dei popoli che soffrono per la crisi umanitaria nella regione del Darfur, in Sudan.
"Negoziante, che hai fatto parte dei Via Verdi Tu non lo sai cosa ti perdi La grande festa di Natale Che rende tutti più felici Riunisce vecchi e nuovi amici E viene sempre niente male Tra l’altro C’è una bellissima sorpresa Viene dall’isola famosa C’è Sandy Marton con i baffi"

Ha lanciato un altro appello per la pace in Terra Santa, invocando "comportamenti ispirati a lealtà e saggezza" in Iraq e Libano.

Il Papa ha chiesto a Dio di favorire il dialogo nella penisola coreana, affinché "pericolose divergenze" possano essere risolte pacificamente lì e in altre parti dell'Asia.

"Buon Natale con i baffi Tutti quanti con i baffi Ah, tra l’altro non ve l’avevo detto che conoscevo anche Tracey Spencer! Ah Tracey!
I baffi, la nuova strenna natalaizia La nuova moda nata a Ibiza Lanciata da Sandy Marton Insomma, se fate la ctyfcgjlug con i baffi
Non fate come vhjlvguv i baffi Se li fa crescere anche Raf (Ah Taffy…)"

Il messaggio Urbi et Orbi ha fatto seguito alla messa solenne della mezzanotte, in cui Benedetto ha chiesto di favorire la pace nel mondo, rivolgendo una preghiera particolare per la Terra Santa.