venerdì, dicembre 16, 2005

Speciale Coppe

L'Europa sorride al Palermo
I siciliani battono 3-0 i danesi del Broendby e si qualificano per i sedicesimi di finale di coppa Uefa. A segno Makinwa e Rinaudo, autore di una doppietta
Gonzalez, 24 anni, e Makinwa, 22, esultano. Ap
PALERMO, 15 dicembre 2005 - Nel quarto e ultimo turno della fase a gironi di coppa Uefa, il Palermo ha sconfitto i danesi del Broendby col punteggio di 3-0 (2-0) e si è così qualificato per i sedicesimi di finale della seconda competizione europea per club. A segno per i siciliani Makinwa al 26', Rinaudo al 46' del primo tempo e al 44' della ripresa. I rosanero si sono così aggiudicati il girone B con 8 punti davanti agli spagnoli dell'Espanyol, anch'essi a 8, e ai russi del Lokomotiv Mosca con 7; eliminati il Broendby con 5 e gli israeliani del Maccabi Petah Tikva con 0.
L'inizio è decisamente di marca danese con gli scandinavi che dominano nel possesso palla e per almeno una dozzina di minuti fanno il bello e cattivo tempo con Skoubo in bella evidenza. Verso il quarto d'ora il Palermo esce dal guscio e in velocità inizia a diventare pericoloso. Al 26' arriva il primo gol: splendida verticalizzazione Corini-Brienza-Makinwa con l'attaccante nigeriano che appoggia in rete di destro. Al 46' il raddoppio: punizione dalla sinistra di Grosso, dalla mischia emerge Rinaudo che manda la palla in rete, probabilmente con l'aiuto di una mano. Oltre al danno per il Broendby arriva la beffa dell'espulsione per proteste di Rytter.
La ripresa è un passeggiata di salute per il Palermo che praticamente gioca a una sola metà campo, qualche volta cercando di strafare e alla distanza accontentadosi del risultato acquisito. Negli ultimi 10 minuti la stanchezza dei danesi carica ulteriormente i padroni di casa che tornano ad aggredire l'area avversaria. Al 44' il 3-0: punizione dalla destra di Corini, stacco statuario di Rinaudo che di testa sigla la sua doppietta.
Decisamente soddisfatto Luigi Del Neri a fine partita: "Abbiamo dimostrato di poter vincere facilmente questa partita, il risultato ci può persino stare stretto. Con questa vittoria speriamo che alcune paure se ne vadano, anche i giovani hanno dimostrato di sapere produrre un buon calcio. C'erano tante aspettative e domenica forse pagheremo qualcosa per lo sforzo profuso oggi, ma ci tenevamo ad andare avanti in coppa Uefa".
Guido Guida