venerdì, gennaio 06, 2006

L'8 gennaio di 22 anni fa.

15a GIORNATA 08 gen 1984 MARCATORI
Catania - Inter 0-0
Fiorentina - Avellino 1-0 45' D. Bertoni
Juventus - Genoa 4-2 23' Platini, 29' Briaschi (GE), 33' Cabrini,
59' Benedetti (GE), 62' Penzo, 75' P. Rossi rig.

Lazio - Pisa 0-1 39' Vianello
Milan - Udinese 3-3 8' F. Baresi (MI) rig., 40' Zico, 43' Verza
(MI), 81' Blisset (MI), 84' Zico, 87' Causio
Napoli - Torino 0-0
Sampdoria - Ascoli 1-2 13' Novellino, 85' aut. Pari, 90' aut.
Bogoni (SA)
Verona - Roma 1-0 82' Di Gennaro
Classifica - Juventus 22; Torino 20; Roma 19; Fiorentina and Verona 18;
Sampdoria 17; Ascoli, Inter, Milan and Udinese 16; Napoli and
Pisa 12; Genoa 11; Avellino 10; Lazio 9; Catania 8.

quel campionato a 16 squadre come dovrebbe essere anche oggi fu vinto dalla Juventus con 43 punti
Capocannonier fu Platini con 15 reti. il nostro Massimo Briaschi raggiunse comunque quota 12 a parimerito
con Paolo Monelli della Fiorentina.


Briaschi l'anno successivo sarebbe andato alla Juve per segnare altri 12 gol.

Massimo Briaschi.

Prima parte di Effe Lipper per Fondazione Bonarda.

Massimo Briaschi, nato a Lugo Vicentino quarantadue anni fa, ha vestito la maglia biancorossa dal 1975 al 1979 e dal 1980 al 1982, collezionando complessivamente 70 presenze e realizzando 11 goals.
Con il Vicenza Massimo ha vissuto momenti esaltanti quando, giovanissimo, partecipò alle gloriose avventure della formazione di G.B. Fabbri e Paolo Rossi, e momenti sicuramente più duri, in particolare quando la squadra scivolò in serie C.
Partendo dai ricordi più belli, Briaschi ci racconta del Real Vicenza, anni 76-78: "Eravamo una squadra capace di vincere dappertutto dando spettacolo, grazie ad un gruppo formato da persone intelligenti e da ottimi giocatori, e ad un allenatore, Fabbri, che curava al meglio al contempo l'aspetto tecnico e quello umano. Suggestiva ed emozionante è stata l'esperienza in coppa Uefa, con il doppio conforto contro il Dukla Praga, squadra che ci estromise purtroppo al primo turno. Di quell'avventura mi rimangono due ricordi in particolare, uno negativo ed uno positivo: il primo riguarda l'infortunio subìto da Paolo Rossi nella gara d'andata, il secondo il fatto che… al posto di Paolo, giocai io la partita di ritorno al Menti, segnando il goal dell'illusorio vantaggio. La gara infatti finì 1-1 e, stante la sconfitta dell'andata per 1-0, non riuscimmo a qualificarci, anche se al Menti giocammo, sotto una pioggia battente, un'ottima gara."
Al termine del campionato 1978-79, il Vicenza retrocedette in B, pagina amarissima per una squadra che soltanto dodici mesi prima aveva chiuso il torneo al secondo posto, alle spalle della Juventus: "La ragione principale di questa metamorfosi risiede semplicemente nel fatto che furono ceduti giocatori fondamentali della formazione che tanto bene aveva fatto l'anno prima, così che il giocattolo si ruppe."
Dopo un'esperienza a Cagliari, Briaschi, era il 1980, rientrò a Vicenza, per vivere, purtroppo, un'altra pagina amara, ovvero la retrocessione in serie C: "Fu un'annata stranissima, in cui un insieme di circostanze negative ci spinse verso il basso. Probabilmente una parte dei problemi derivò dal fatto che, con il cambio in corsa dell'allenatore (arrivò Viciani al posto di Savoini, n.d.r.), fu rifatta la preparazione fisica e perdemmo praticamente due mesi."
Gioie e dolori, quindi, nell'esperienza in biancorosso di Massimo Briaschi che, comunque, con il Vicenza ha avuto la fortuna di realizzare quello che per molti ragazzini appassionati di pallone non resta che un sogno, ovvero giocare nella squadra della sua città: " Sicuramente questa è la massima aspirazione che un giovane può avere, arrivare a giocare nella "sua" squadra, una soddisfazione enorme che resta dentro. Mi viene in mente Maggio, che come me ha percorso tutta la trafila delle giovanili ed ora è arrivato meritatamente alla Prima Squadra."
Quando gli chiediamo quale sia il goal realizzato in biancorosso che ricorda con maggior piacere, Massimo ne cita due: "La rete realizzata a Torino contro i granata, nel febbraio 1978, perché fu il mio primo goal in serie A, ed il goal in coppa Uefa contro il Dukla, non solo per la vetrina internazionale che la gara assicurava, ma proprio perché probabilmente è stata la rete più bella che abbia realizzato in biancorosso: effettuai una conclusione appena entrato in area di rigore, da posizione defilata sulla sinistra del campo, conclusione che si insaccò sul primo palo, quello del portiere."
Gli ricordiamo che gli abbiamo visto fare un goal ancora più bello a carriera conclusa, e Massimo, sorridendo, capisce subito quale sia il riferimento: "E' vero, la rovesciata nella gara d'addio al calcio di Tacconi giocata qualche anno fa a Perugia…l'avessi realizzato qualche anno prima, quel goal probabilmente mi avrebbe allungato la carriera!…"
Episodi da raccontare sugli anni vissuti in biancorosso ce ne sarebbero parecchi, ma uno in particolare torna alla memoria di Massimo: "Una sera, eravamo in ritiro, ci trovammo in quattro - cinque in una camera, di nascosto, a mangiare un'anguria. Mettemmo il frutto in una vasca da bagno sotto un getto d'acqua fredda, per rinfrescarlo, ma ce ne dimenticammo, così che si allagò la camera di sotto e noi fummo scoperti e multati…"

estratto da vicenza.com


continua......Zaniolo Grabbi Sinigaglia Caccia Forestieri Lopez Preziosi Fabiani andate a fare in culo.