domenica, gennaio 08, 2006

Numeri uno !

WILLIAM NEGRI qui foto


William "Carburo" Negri e' senza dubbio la gloria sportiva di Governolo per eccellenza. Campione d'Italia col Bologna, "eroe" del Prater con la maglia azzurra, protagonista della scalata del Mantova dalla quarta serie alla serie A, William Negri è una favola tutta da raccontare. State ad ascoltarla.
Carburo, come tutti i bambini, non appena imparato a camminare, comincia a dar calci a qualcosa che assomiglia ad un pallone, magari ricavato dalla camera d'aria di bicicletta o da pezzi di stoffa pressati. La guerra sta per concludersi, c'e' altro cui pensare. Un bel giorno però sul campetto all'ombra del campanile, appare Arrigo Galassi che ha sotto braccio un vero pallone di gomma, dal peso esagerato ma pur sempre rotondo. Dal momento dell'arrivo del pallone, via ad estenuanti partite che duravano anche 3-4 ore con frequenti scazzottate che nemmeno gli allora seminaristi don Valentino Zambelli e don Beniamino Menini riuscivano a sedare.
Intorno al 1948-'49 fa la sua apparizione il primo pallone di cuoio: lo avevano acquistato con le loro mance Leonardo Ghidelli, Guido Benedini, Arrigo Galassi e Bruno Guerresi. Un oggetto prezioso, dato in custodia proprio a Willam Negri che aveva l'obbligo di pulirlo tutte le sere.
Doveva portarlo sul campo quando fosse presente almeno uno dei proprietari. Questi potevano usare le scarpe mentre gli altri giocatori dovevano essere rigorosamente a piedi scalzi per non danneggiare la sfera di cuoio.
Sempre in quel periodo, sul praticello davanti al monumento era stata tirata una rete da pallavolo. Non trovando spazio per il calcio perché praticato in piena democrazia dai pie' grandi, ecco che il giovane ma gia' spilungone William assieme a parecchi coetanei, comincia a praticare il volley. Viene fondata la societa' Ardens che partecipa ai campionati CSI e alle competizioni di atletica leggera. Ma il calcio rimane la passione piu' grande. Con la squadra Indomita di Mantova, iscritta al torneo CSI e nella quale militavano gia' i cugini Guerresi e Galassi che per motivi di studio rimanevano in citta' tutta la settimana, le prime partitine. Partenza al mattino da Governolo su una bici da donna e l'altra da uomo, con possibilita' di salire, a turno, sulla canna. In seguito anche l'U.S. Governolese partecipa ai tornei giovanili
Il mister e' Mirandola e Negri puo' inanellare parecchie partite.L'anno successivo ('52-'53) la Governolese prende parte al campionato riserve e incontra anche formazioni professionistiche. Nel '53-'54 il Governolo, guidato da Gasparini prende parte al campionato di prima categoria. Si infortuna il portiere titolare Giannino Compagnoni e Negri prende il suo posto esordendo nel derby vittorioso con il Sustinente. Verso la fine del torneo, Negri, Mario Beduschi e Guido Furini effettuano un provino per l'A.C. Mantova, allora in quarta serie sotto la guida di Todeschini. Esito positivo e l'anno dopo, ovvero 1955-'56 il trio Governolo gioca in biancoceleste agli ordini di Mondino Fabbri. William Negri si impone subito e diventa titolare: terzo posto finale alle spalle di Ravenna e Reggiana. Bruno Antonietti, detto Cagnina, indimenticata ala destra del Governolo anteguerra, residente a Milano, capisce che "Carburo" ha grosse qualità e lo fa sbarcare al Milan per un provino. Purtroppo, William era troppo "anziano" per le squadre giovanili e troppo giovane per la prima squadra. Nel campionato '56-57, Negri gioca nel Mantova sino a marzo, quando parte per la naja. William, parecchio spiritoso, sostiene che la sua partenza rinforzò la squadra biancoceleste che al termine concluse al secondo posto, conquistando l'eccellenza. L'anno dopo promozione in serie C. Durante i 18 mesi di naja a Palermo, Negri non e' rimasto con le mani in mano: qualche gara col Bagheria in quarta serie d'eccellenza ma soprattutto un'intensa attivita' di pallavolo a livello di serie B con spareggi finali a Bologna, poi persi, per l'ammissione alla A.
Il rientro del figliol prodigo a Mantova avviene giusto in tempo per la partenza per il ritiro di Boscochiesanuova. Siamo nel campionato '58-'59. Carburo ritrova i vecchi compagni fra i quali Guido Furini, poi Beduschi trasferito in Sardegna, il portiere Tonolli, diventato titolare, Longhi, Pacini, Veneri e molti visi nuovi, fra i quali Giagnoni, Recagni, Fantini, Turatti, Cade', Bibolini ecc. Negri parte riserva. Solo a Pordenone debutta in serie C, dimostrando di essere pronto a spiccare il gran salto. Fabbri non lo molla piu'. Al termine del torneo, il famoso spareggio di Genova col Siena e la promozione in sede B. Dopo un anno di assestamento, il Mantova finisce secondo e conquista la serie A. Della squadra del '54, assieme a Fabbri, sono rimasti solo William e Furini. Esordio a Torino con la Juventus e nono posto finale; niente male come inizio. E William Carburo Negri? Alla fine della stagione riceve il premio Combi, quale miglior portiere dell'anno. Quindi la Convocazione in azzurro in vista dei mondiali del Cile, in compagnia dei vari Sivori, Altafini, Rivera, Bulgarelli, Sormani, Buffon, Radice, Maschio, Mora, Maldini, Trapattoni ecc. L'esordio, sia pure nella nazionale cadetta, avviene a Tolosa contro la Francia.Fabbri lascia Mantova e gli subentra Nandor Hidegkuti, mitico centravanti della leggendaria Ungheria. I biancorossi si salvano; al termine del campionato Negri spicca il volo per Bologna dove ritrova i compagni di nazionale Tumburus, Janich, Bulgarelli e Pascutti i quali, millantato credito, gli dicono che il merito per il suo arrivo e' loro, perche' hanno parlato bene a Fulvio Bemardini. Balla colossale e evidente l'intento di scroccare qualche cena. Campionato tribolato per via del doping (ve l'immaginate ci fosse stato Zeman?), poi l'arrivo alla pari con l'Inter con lo spareggio a Roma. Negri para, Nielsen e Fogli segnano e lo scudetto si sistema sotto le due torri. Nel campionato '64-'65 il Bologna partecipa alla Coppa Campioni e viene eliminato all'Anderlecht dopo lo spareggio di Barcellona. Non sul campo (il match si cocluse a reti inviolate) ma dalla monetina. Sesto posto finale nel torneo, non proprio soddisfacente. Campionato '65-'66: il Bologna si piazza al secondo posto a 4 lunghezze dall'Inter.
Negri parte sparato: para, si sposa, nasce la figlia cui seguiranno due maschi ma all'inizio del ritorno a Firenze, si infortuna ad un ginocchio e deve rinunciare, oltreche' al Bologna, anche alla spedizione mondiale in Inghilterra. Dopo un lungo periodo di inattivita', Negri viene ingaggiato dal Vicenza in A: disputa 24 partite. Nel torneo '68-'69 passa al Genoa in serie B: appena 6 partite e quindi l'addio al calcio giocato. Torna al Mantova come allenatore dei portieri. Nel '72-'73, esonerato Uzzecchini, per qualche gara dirige il Mantova poi fa il secondo a Foni. Successivamente allena il San Felice, a Mirandola, a Poggio Rosco; a Modena torna ad allenare i portieri, dopodiche' stacca definitivamente. Un grande portiere William "Carburo" Negri. E avrebbe potuto fare molto di piu' se non avesse trovato per strada la sfortuna. Sono passati tanti anni, tuttavia le parate al Prater di Vienna nell'incontro con l'Austria, sono ancora vive nella memoria degli sportivi italiani. E dei mantovani e governolesi in particolare. William Negri, anche nei momenti di maggior fulgore agonistico, non ha mai dimenticato la propria terra, della quale va fiero e per la quale ancor'oggi si presta.
Un campione in tutti i sensi: Governolo, non solo sportiva, gli deve molto.

e qui una chicca..

Partita Austria-Italia al Prater di Vienna.
2 a 1 per l'Italia
La formazione qui foto:In piedi da sx: Tumburus, Mora,Sormani, Janich, Puia, Maldini Accosciati: Radice, Bulgarelli, Pascutti, Trapattoni, Negri.

Si ringrazia governolo.interfree.it