mercoledì, gennaio 18, 2006

Talento..


Robert Prosinecki.

Calciatore, centrocampista di Stella Rossa Belgrado, Real Madrid, Barcellona, Dinamo Zagabria e della Nazionale croata. Nazionalità: Croazia.


Anche prima della FIFA World Cup Italia 90, Robert Prosinecki era segnalato come “un giocatore da tenere d’occhio”. Il giovane aveva avuto un ruolo cruciale come ottimo regista della vittoria della Jugoslavia nella FIFA World Youth Championship in Cile tre anni prima.

Gli uomini di Mirko Josic offrirono una straordinaria prestazione nel torneo, guidati da un grande quartetto d’attacco composto da Robert Prosinecki, Zvonimir Boban, Davor Suker e Predrag Mijatovic. A Prosinecki fu anche assegnato il Pallone d’Oro come miglior giocatore per i passaggi millimetrici, che favorirono la maggior parte dei 22 gol jugoslavi in nove partite. La squadra jugoslava detiene ancora la miglior media di gol per partita in FIFA World Youth Championship con un eccezionale 2,44 gol per partita.

Ma, a Italia ’90, Prosinecki ha spesso dovuto adattarsi alla panchina, in una squadra scossa dalle continue tensioni nei Balcani. L’allenatore Ivica Osim gli preferì Dragan Stojkovic, Zlatko Vujovic oppure Srecko Katanec.

Osim lo fece entrare in campo al 55° contro la Germania, ma solamente quando la partita, con la Jugoslavia in svantaggio per 4 a 1, era ormai persa. In panchina nella vittoria per 1 a 0 contro la Colombia, entrò ancora al 55° nella vittoriosa partita (4 a 1) contro gli Emirati Arabi Uniti, per segnare il quarto gol ad un minuto dalla fine. Prosinecki pensava di essersi guadagnato il posto da titolare, ma si ritrovò di nuovo in panchina nella vittoria contro la Spagna nella seconda fase, prima di essere scelto per la partita dei quarti di finale contro l'Argentina.

L’allenatore Osim giocò con tre registi, Prosinecki, Stojkovic e Safet Susic; tuttavia ciò non fu sufficiente per superare la difesa argentina. Dopo lo 0 a 0 dei tempi supplementari, Prosinecki segnò ai calci di rigore, ma la Jugoslavia fu sconfitta per 3 a 2.

Per amore del gioco

La successiva occasione di partecipare ad una FIFA World Cup arrivò otto anni più tardi, a Francia ‘98, questa volta con la Croazia. Prosinecki si fece onore segnando due gol e si unì al piccolo ma prestigioso gruppo di giocatori che hanno disputato due FIFA World Cup vestendo la divisa di due diverse nazioni: Luis Monti (Argentina 1930 e Italia 1934), Ferenc Puskas (Ungheria 1954 e Spagna 1962), Jose Santamaria (Uruguay 1954 e Spagna 1962) e Jose Altafini (Brasile 1958 e Italia 1962).

Prosinecki ha una forte personalità e suscita negli altri reazioni forti. “È un leader che può tirare fuori il meglio dai giocatori intorno a lui” dice l’allenatore croato Tomislav Ivic. Altri sono stati meno positivi. “Se questo ragazzo riuscirà a diventare un calciatore, mangerò il mio patentino da allenatore” commentò una volta Miroslav Blazevic, allora allenatore della Dinamo Zagabria, nel 1987. In seguito cambiò idea. “Quando Blazevic mi disse che non avevo talento e mi invitò a lasciare la Dinamo, ciò mi fece soffrire”, ricorda Prosinecki.

Il croato si riconosce nei suoi eroi, Diego Maradona e Michel Platini, giocatori che si sono sempre fatti notare in occasione dei grandi tornei. “Quando gioco a pallone, mi diverto e faccio vedere quello che so fare. Al termine di una partita, se non ho giocato bene, mi sento vuoto e mi chiedo che cosa stessi facendo sul campo”.

Oggi, all’età di 36 anni, Prosinecki ha ancora molto da dare al calcio. Ha recentemente firmato un nuovo contratto con il Donaufeld Vienna, squadra austriaca di quarta divisione, solo per amore del gioco.


Data di nascita: 12/01/1969 Presenze in Nazionale:64 Gol:14

Nonostante la Croazia si sia divisa dalla ex-Jugoslavia solamente nel 1991, affiliandosi alla FIFA l’anno successivo, la squadra vanta già un invidiabile curriculum internazionale. In gioventù, Zvonimir Boban, Robert Prosinecki, Davor Suker, Robert Jarni e Igor Stimac, diedero il proprio contributo alla conquista jugoslava del Campionato del Mondo Giovanile FIFA del 1987.

fonte fifaworldcup.com