martedì, febbraio 21, 2006

Lineker spera nel trionfo dell'Inghilterra



by FIFAworldcup.com

Gary Lineker analizza le possibilità dei suoi connazionali a Germania 2006 e dichiara: "Potenzialmente è la squadra inglese più forte dal 1966 ad oggi".

Come giocatore, Gary Lineker ha segnato 48 reti con la nazionale, dieci delle quali nelle fasi finali della Coppa del Mondo FIFA, ma anche se sono ormai passati quattordici anni dalla sua ultima apparizione sulla scena internazionale, ha ancora un obiettivo da raggiungere.

Oggi commentatore sportivo per la BBC, quest'estate seguirà infatti la sua terza Coppa del Mondo dalla Germania. Da giocatore, ha vinto la Scarpa d'Oro adidas quando l'Inghilterra ha raggiunto i quarti di finale nel 1986. Quattro anni più tardi ha contribuito a portare la sua nazionale in semifinale, ma per il 2006 ha in mente qualcosa di ancora più speciale.

Lineker rivela infatti che il suo più grande desiderio da commentatore è lo stesso di milioni di altre persone, ovvero quello di poter esclamare la semplice frase: "L'Inghilterra ha vinto i Mondiali!". Tuttavia, provate a chiedergli di dare una risposta precisa riguardo a quello che succederà a Berlino a luglio e il massimo che otterrete sarà un "Può darsi...".

In un'intervista esclusiva a FIFAworldcup.com, Lineker ha spiegato: "Non si può affermare che vinceremo sicuramente i Mondiali perché sarebbe una follia. Non c'è nessuna certezza, ma il gruppo dei giocatori è buono e dovrebbe riuscire a fare bene. Entrata nella fase a eliminazione diretta, l'Inghilterra è una di quelle squadre in grado di battere chiunque, se è in vena".

"Noi inglesi siamo piuttosto abituati alle delusioni, ma chi lo sa? La nazionale potrebbe invece sorprenderci e avere anche un pizzico di fortuna. Quando l'Inghilterra va bene ai Mondiali è fantastico. La nazione impazzisce. Poi generalmente tutto si conclude con un'enorme delusione, ma è un’eventualità a cui siamo preparati".

La ricetta per il successo
Lo sconforto è un sentimento che ha accompagnato gli inglesi quando hanno seguito la loro nazionale nei tornei più importanti degli ultimi anni, ma stavolta Lineker vede diverse ragioni per essere ottimisti. "Bisogna avere un gruppo di sette, otto grandi giocatori per avere davvero la possibilità di vincere i Mondiali e l'Inghilterra ora ha questi giocatori, oltre a Wayne Rooney, che è potenzialmente uno dei più forti al mondo. Non abbiamo mai avuto una squadra così competitiva in passato", ha dichiarato.

"Ovviamente molte cose devono girare per il verso giusto, bisogna avere il tempo di prendere fiato durante il torneo ed evitare gli infortuni, ma se queste condizioni si verificano, l'Inghilterra avrà delle possibilità. I nostri giocatori devono cercare di dare il massimo, di giocare a un ritmo elevato e pressare molto, cosa che le condizioni climatiche della Germania permettono. Non ci sarà il caldo del Sud America o dell'Europa meridionale, quindi il clima non dovrebbe essere un problema".

Lineker è d'accordo nel considerare come molti altri questa nazionale come la migliore da quando gli inglesi hanno vinto la loro ultima (e unica) Coppa del Mondo 40 anni fa, ma crede anche che la squadra attuale, pur avendo tra i suoi ranghi giocatori come Wayne Rooney, Michael Owen, David Beckham, Frank Lampard e Steven Gerrard, deve ancora migliorare.

"Potenzialmente è la nazionale più forte dal 1966, ma credo che non abbia ancora dimostrato tutto il suo valore. Se si considera ciascun giocatore singolarmente, probabilmente lo è", ha affermato Lineker. "Anche nel 1990 avevamo una squadra molto forte, ma sulla carta gli elementi di questa nazionale sono migliori. Ora devono solo riuscire a provarlo a livello di squadra".

Fiducia a Rooney
"La squadra dipende da Rooney e se sia giusto o meno non è così importante, è semplicemente il loro modo di giocare. La differenza si è notata durante gli Europei 2004 in Portogallo, quando si è infortunato. È lui l'uomo che fa girare la squadra, facendo da collante tra il centrocampo e l'attacco. Qualsiasi squadra finirebbe per dipendere da un giocatore così importante e talentuoso".

Lineker ha fortemente criticato alcune delle prestazioni dell'Inghilterra negli ultimi dodici mesi, ma ha visto dei miglioramenti incoraggianti nelle ultime due vittorie contro la Polonia (2-1) e l'Argentina (3-2). "Battere l'Argentina a Ginevra è stato importante per il morale dei giocatori e del Ct, che hanno dimostrato di saper vincere contro una formazione di alto livello giocando all'inglese" ha spiegato Lineker.

"In altre partite, con il c.t. Sven-Goran Eriksson in panchina, non lo hanno fatto. Prima facevano catenaccio, con un atteggiamento difensivo volto a segnare una rete e a chiudersi a riccio, come spesso si vede in Italia, il Paese dove Eriksson si è fatto le ossa. Ora ha finalmente capito che gli inglesi giocano meglio quando possono essere propositivi, quando cercano di creare occasioni da rete e sviluppano un gioco aggressivo e positivo".

"Credo che il c.t. abbia acquisito coraggio e sicuramente, nelle ultime due partite contro Polonia e Argentina, l'Inghilterra ha giocato meglio ed ha vinto. Eriksson e i giocatori dovranno continuare su questa strada se vogliono sperare di vincere i Mondiali. Non possono giocare all'italiana perché non ne sono capaci".

Per quel che riguarda le altre squadre che parteciperanno alla fase finale, Lineker vede le solite nazionali di Brasile, Argentina e Italia tra le favorite. Quali possibili outsider, Lineker sceglie l'Olanda mentre della Germania, alla quale riconosce il grande vantaggio di giocare in casa, dice: "Non credo che abbiano una squadra abbastanza forte per arrivare in fondo"