giovedì, febbraio 09, 2006

Stanley Matthews


Pallone d'oro 1956


Nato ad Hanley il 1° febbraio 1915, deceduto il 23 febbraio 2000
Attaccante, altezza 174 cm, peso 69 kg
In campionato: 698 presenze e 71 gol
In nazionale: 54 presenze e 11 gol
Palmares: Fa Cup 1953 e Pallone d'oro 1956 con il Blackpool

Il Pallone d'Oro nasce con Stanley Matthews, il monumento britannico per eccellenza, l'eroe di un calcio in bianco e nero intriso di classe, signorilità, fair play e ricordato ancora oggi come il "mago del dribbling".
La leggenda narra che fin da piccolo fu sottoposto dal padre, ex pugile, a un duro rigore fisico (dormire con la finestra aperta anche d'inverno e allenarsi fino allo stremo delle forze) che in poco tempo lo rese un portento di agilità e robustezza.
Nel 1931 il giovane firma per lo Stoke City e poche settimane dopo aver compiuto i 17 anni debutta in seconda divisione e inizia una lunghissima carriera che si concluderà oltre trent'anni dopo (1965).
L'unico neo della più grande ala destra della storia, dopo il brasiliano Garrincha, è stato quello di aver militato sempre in squadre di secondo piano e di aver vinto pochissimo.
Alla ripresa dopo la pausa bellica lo Stoke City non lo ritiene più competitivo e lo trasferisce al Blackpool. Nelle file della nuova squadra Matthews disputa 14 campionati (379 gare e 17 gol) ed entra definitivamente nella storia quando nel 1953 vince l'unico trofeo della carriera, la Fa Cup, trascinando la propria squadra in una memorabile rimonta contro il Bolton (da 1-3 a 4-3 nei 20 minuti finali). A 46 anni lascia il Blackpool per tornare allo Stoke City dove complessivamente colleziona 319 presenze e 54 gol. Quando nel 1965 annuncia il ritiro, invita alla cena d'addio tutti i giornalisti che gli avevano pronosticato una breve carriera; al momento di sedersi a tavola, gli incauti trovato una copia dei loro articoli davvero poco profetici.
Matthews non è stato un goleador puro ma un perfetto assistman per i compagni d'attacco. Anche in Nazionale non ha molta fortuna: esordisce nel 1934 e gioca la sua ultima gara nel 1957, 23 anni dopo il debutto, a 42 anni suonati. Nel 1965, primo tra i calciatori, riceve il titolo di baronetto dalla regina Elisabetta II per la sua estrema signorilità: nessun arbitro in 33 anni di carriera lo ha mai ammonito una volta.

Classifica Pallone d'Oro1956
1° Stanley Matthews
2° Alfredo Di Stefano
3° Raymond Kopa
4° Ferenc Puskas
5° Lev Yashin